Introduzione al calcolo matriciale in Excel parte1

Prima di passare all' introduzione delle matrici e del calcolo matriciale in Microsoft Excel facciamo un breve repilogo.

Dunque arrivati a questo punto dovremo essere - al minimo -  in grado di:

Gli argomenti sono stati trattati al livello intermedio

Inoltre:

  • aver capito la differenza tra tabelle statiche e dinamiche
  • saper formattare le tabelle dinamiche (formatt. condizionale)
  • Ordinare dinamicamente una tabella in base ad un criterio dato, senza l' utilizzo di Array
  • Associare un grafico dinamico ad una tabella dinamica e formattarlo
  • Aver compreso come lavorare in maniera avanzata con i grafici piu' comuni ( Graph-Pack )
  • Utilizzo in modalita' avanzata delle funzioni MATR.SOMMA.PRODOTTO, SCARTO, INDICE (Database Queries)
  • aver capito in cosa consiste il problema delle occorrenze multiple e risolverlo tramite l'ausilio di differenti forme di "Helper"
  • essere in grado di risolvere Database Query ad un livello in linea con gli esempi proposti

Questo argomenti sono stati trattati al livello Advanced-1

Abbiamo anche visto come, utilizzando i concetti sopra esposti, possiamo gia' creare Dashboard di discreta complessita': una Dashboard Excel per la KPI analysis

Detto cio', non ci rimane che introdurre il calcolo matriciale.

Introduzione al calcolo matriciale in Excel



Premetto che non tutto potra' essere subito chiaro o facilmente comprensibile, almeno per le persone che si avvicinano per la prima volta agli Array: la cosa piu' importante e' non scoraggiarsi e continuare, capire il piu' possibile, applicare i concetti, poi con la pratica le cose si chiariranno e si capira' il motivo per cui il calcolo matriciale e' fondamentale se vogliamo arrivare a padroneggiare Excel fino ad entrare nel mondo della Automazione.

Questa sessione introduce alcuni concetti fondamentali: cosa si intende per matrice (o Array), come la si definisce e come Excel la rappresenta.

La prossima sessione vedremo quali formule supportano la notazione matriciale e qualche esempio di formula matriciale a singola cella e multicella.



Dopodiche' finalmente analizzeremo una formula matriciale (composta) che da sola mi risolve una volta per tutte il problema delle occorrenze multiple.

E' uno dei concetti piu' importanti in assoluto, una formula che difficilmente la si trova spiegata in guide, manuali o corsi.

Seguite quindi il video e scaricate il work sheet di riferimento...e buon lavoro!

Prossima sessione: introduzione al calcolo matriciale, parte 2