adv-1 Tabelle dinamiche ordinate (I) - occorrenze multiple

sessione precedente: Tabelle dinamiche ordinate (I)

Quando si lavora con database per ordinarli con tabelle dinamiche  o per estrarne informazioni, bisogna sempre controllare se si presentano occorrenze multiple (campi ripetuti) perche' la presenza o meno di queste pilota il metodo di calcolo.

Sostanzialmente INDICE() o CERCA.VERT() si fermano sempre alla prima occorrenza, ne riportano il valore e pensano di avere terminato il loro lavoro, ma il risultato finale non sara' corretto.

Durante il calcolo della terzultima riga della tabella, al valore di vendita di 200E viene associato il nome Giovanni (corretto). Alla penultima riga troviamo ancora il valore di 200E, INDICE() ripete la stessa operazione di prima sulla colonna dei nomi, riportando ancora Giovanni, che invece dovrebbe essere Maria.

E infine l'ultima posizione, ancora 200E e ancora Giovanni, dovrebbe essere Giuseppe.

L'utilizzo del calcolo matriciale risolve il problema, per ora applichiamo questo trucco molto furbo, che molto spesso evita l'utilizzo degli Array che e' sempre stato un argomento di Excel molto ostico...